.
Annunci online

 



CULTURA
15 luglio 2007
RELAZIONE ERASMUS

Inizio questa breve relazione, parlando del Paese che mi ha ospitato questi ultimi mesi.

La Romania è una nazione molto bella e affascinate. Nonostante la turbolenza della sua storia socio-politica, questa terra è riuscita a mantenere delle invariate caratterisitiche naturali.

Il giudicato di Brasov (dove ho trascorso il periodo della borsa) è situato tra le montagne della Transilvania, nel cuore dei Carpazi, in luoghi incontaminati tra boschi, natura e castelli medievali immersi nelle misteriose leggende del Conte Dracula.

Da queste parti, soprattutto nelle campagne, la gente è ancora molto vicina a leggende medievali. Questo fa crescere il mistero e il fascino di questo paradiso terrestre, trasformandosi in un involontaria attrazione per i tantissimi turisti che ogni anno popolano i sempre i più attrezzati Hotel e punti di ristoro del giudicato.

Brasov conta 300 mila abitanti ed è la seconda città con il reddito pro-capite più alto della Romania.

Il “benessere” della città dell’entroterra è dovuto al turismo e alla sempre più alta presenza di industrie, per lo più di proprietà straniera, italiana in primis.

Parlare di benessere in Romania è cosa molto ambigua. Lo stipendo medio di un operaio è di 400 Leu al mese (poco più di 100 euro) quello di un professore sfiora i 500 Leu (130 euro) le pensioni non arrivano neanche a 50 euro.

Nonostante l’entrata nell’Unione Europea (Gennaio 2007) la Romania è lontana anni luce dai parametri di Maastricht al punto che le più rosee previsioni danno l’entrata nella moneta unica, non prima del 2015.

Come tutti sappiamo i bassi costi di produzione sono il “segreto” del capitalismo, quindi la Romania è letteralmente invasa da quelli che in Italia, Francia, Germania, Inghilterra sarebbero dei medio/piccoli imprenditori e invece in una terra povera e sfruttata come quella carpatica, fanno la parte dei leoni e conducono una vita da re.

Questa enorme differenza capitale/lavoro, sta sconfinando nella disperazione più totale e portando i rumeni a fuggire come dei disperati verso terre più ricche.

Nonostante la situazione sempre più precaria, la popolazione rumena ha un debole per gli stranieri.

Mai dimenticherò la gentilezza di quel popolo; i loro modi d’altri tempi (addirittura l’inchino) verso chi, nel loro immaginario, sta facendo del bene.

L’aspetto accademico del mio erasmus è stato molto utile e importante.

Sin dal mio arrivo all’Università capii che quella sarebbe stata una grande esperienza di accrescimento umano e culturale.

La presenza fissa e costante del coordinatore, ha permesso a noi erasmus di integrarci nei gruppi di lavoro organizzati per i nostri colleghi rumeni e così poter lavorare tutti insieme durante gli interessantissimi seminari che la facoltà metteva a disposizione.

In questo modo è stato molto più semplice trovare la dimestichezza con la lingua, che pur essendo per alcuni aspetti simile alla nostra (neo-latina) presenta delle influenze slave che induriscono parecchio la pronuncia e la rendono difficile da capire. 

Chiudo questa breve relazione, consigliondo ai miei colleghi la mia esperienza appena terminata.

Roberto Putzu

sfoglia
maggio       
Ultime cose
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte